Skip to content
09/06/2011 / Michele Aiello

WWDC 2011

Dopo aver sognato per parecchio tempo posso finalmente dire: “IO C’ERO!”.

Finalmente sono riuscito a partecipare al WWDC e quello di quest’anno è stato un buon WWDC. Non ci sono state rivelazioni da rimanere senza fiato ma sono state presentate di sicuro tantissime cose interessanti. Si è sentita la mancanza di un nuovo hardware (iPhone 5!) ma sul fronte del software non ci si può certo lamentare. Lion è veramente fantastico, iOS 5 ha colmato tutte le piccole lacune che aveva soprattutto nel confronto con Android e l’introduzione di iCloud è sicuramente un pezzo fondamentale della strategia Apple che rende possibili molte nuove funzionalità soprattutto su iOS (ma anche su Lion).

Ho paura che questo sarà un post veramente lungo e quindi mi scuso da subito :-). Provo a riassumere come ho vissuto la lunga giornata del Keynote.

La giornata è iniziata alle 3am: sveglia, doccia, barba e via. Alle 4 circa eravamo al Moscone Center West. La fila a quell’ora è già composta da qualche centinaio di persone (o forse li potremmo definire direttamente… matti!). Un tizio (questo matto sul serio direi) passava ogni tanto contandoci e secondo lui noi eravamo 400-esimi in fila; in particolare un mio collega era il numero 400 e io 402. Il tempo per fortuna è stato più clemente di quello che il meteo aveva previsto e non c’è stata pioggia anche se c’era un bel venticello fresco; e quando sei mezzo addormentato e seduto sul duro e freddo cemento… il venticello fa una bella differenza :-). Per fortuna ero attrezzato abbastanza bene. Oltre che sull’abbigliamento mi ero preparato anche sul fronte intrattenimento: iPad per giocare, Kindle per leggere, Nexus One per la connessione internet e batteria esterna per ricaricare tutti questi device. Il keynote inizia alle 10, quindi bisogna prepararsi a passare 6 ore. In realtà poi il tempo passa molto più in fretta di quello che ci si potrebbe aspettare. Ero li con 3 colleghi e anche gli altri partecipanti sono sempre pronti a intrattenere discussioni soprattutto se vengono a sapere che lavori in Google :-D. Ogni tanto qualcuno dello staff Apple passava per far compattare la fila in modo da non bloccare tutta San Francisco con la coda. In pratica quando sono arrivato io ero già dall’altro lato dell’edificio (che vi assicuro… è enorme) rispetto all’ingresso ed ero solo il 400-esimo. La fila però era singola ed eravamo tutti allineati sotto il muro. Lo staff invece ha cominciato a farci mettere in file multiple così da evitare che la fila si richiudesse su se stessa.

Verso le 5:30/6:00 sono cominciati ad arrivare varie persone che distribuivano cibo e caffè. È incredible l’impegno che dei privati cittadini investono per fare del bene alla comunità. Un tizio aveva addirittura un barile enorme di caffè sulla schiena e con una tizia andavano in giro a riempire bicchieroni di caffè per qualcosa come 1000/2000 pazzi furiosi accampati sul cemento ad aspettare che Steve Jobs gli trasmetta il verbo :-). Oltre ai privati c’erano anche delle ditte che hanno preso l’occasione per fare pubblicità distribuendo colazioni (burritos!) e bevande. Incredibile anche l’ordine e il rispetto dimostrato da tutti; fila ordinata, educazione e senso civico. Se uno si deve allontanare non c’è problema a rientrare nella fila; se un gruppo di 5/6 persone vede un amico… lo si lascia aggiungere. Noi per esempio abbiamo fatto entrare un nostro collega che è arrivato alle 6:30. L’organizzazione di Apple è stata impeccabile con gente dello staff che passava continuamente a controllare e a compattare la fila.

Verso le 7:30 hanno iniziato a farci entrare. Sempre tutti ordinati e con personale dello Staff che dirigeva le operazioni. All’interno si stava decisamente meglio 😛 e ci hanno offerto colazione (di qualità superiore a quella distribuita in strada), caffè, tè e altro. Siamo arrivati al terzo piano, nella sala principale verso le 9:30 e finalmente abbiamo potuto sederci su una sedia! Il mio team è formato da gente con parecchi WWDC alle spalle e quindi siamo andati a sederci in quello che a quanto pare è il loro posto, ovvero alla destra poco dietro uno schermo enorme dove seguire l’evento. Già… perché la stampa e i VIP occupano metà della sala e quindi anche se sei tra i primi 400 non c’è speranza di vedere bene il palco principale ma l’unico modo e guardare sullo schermo :-).

Non commenterò in questo post il contenuto del keynote. Credo che lo farò in un successivo post se la cosa può interessare. A caldo il mio commento che Apple è migliore di tutti anche quando si tratta di copiare! Il 90% delle cose presentate sono state copiate da altre parti (Android in primis) ma sono state implementate con una cura e una attenzione ai particolari che rendono i prodotti Apple impareggiabili.

Purtroppo proprio all’inizio del keynote la mia connessione è morta. Immaginate una stanza con 5000 persone di cui buona parte giornalisti e/o bloggers… non c’è WiFi o 3G/4G che tenga… e infatti non ha tenuto :-). Mi è molto dispiaciuto perché mi sarebbe piaciuto poter discutere in realtime le novità presentate.

Sul resto del WWDC purtroppo non posso commentare molto. Vi posso solo dire che il tutto è estremamente eccitante e interessante. Le sessioni tecniche sono molto ben strutturate e spesso sono anche divertenti. Il tutto è organizzato in maniera impeccabile: file ordinate, gente rispettosa e tanto personale dello staff che si da da fare per rendere la vita facile a noi partecipanti. Certe sessioni sono sta-affollate e a volte non sono riuscito nemmeno ad entrare! Poco male; a breve ci saranno i video disponibili :-).

Appena possibile preparerò un post di discussione sugli argomenti presentati al keynote.

Advertisements

8 commenti

Lascia un commento
  1. Luca / Giu 9 2011 7:42 am

    Il 90% delle cose presentate sono state copiate da altre parti (Android in primis) ? Ma cosa ti costringono a dire in google google???

    • Michele Aiello / Giu 12 2011 6:38 am

      Va be’ era un iperbole 🙂 Comunque hanno copiato tutte le cose che mi piacevano in Android e che mancavano in iOS, portando iOS 5 (ancora una volta) almeno 2 anni avanti a tutti.

  2. KGB / Giu 9 2011 10:07 am

    Più che il racconto del WWDC hai scritto la storia della coda al WWDC!

    Però tutto sommato hai fatto bene: dopotutto la recensione di quanto è stato presentato si può trovare in mille altri posti…

  3. Massimo / Giu 10 2011 6:34 am

    Trovo i tuoi post sempre molto piacevoli da leggere, un modo per rimanere in contatto. Personalmente mi interessa il lato personale dell’evento, che è anche quello originale, la discussione tecnica si trova in altri mille post.
    Poi immagino che come dipendente di una grande multinazionale, esprimere un giudizio indipendente sia sempre un po’ complesso, anche nel caso si tratti di un competitor.

    Condivido che Apple abbia imparato a copiare, anche se con stile 🙂 Non conosco molto Android, ma ade esempio mi vengono in mente un paio di incredibili innovazioni di Lion, come finestre a full screen e hybernate, che in Windows ci sono da sempre.

    Ormai tutti copiano, è raro vedere un’idea veramente nuova. Ma questo all’utente medio non importa affatto. La differenza la fa il marketing e l’esperienza complessiva che l’oggetto offre e su questo Apple è molto brava.

    • Michele Aiello / Giu 12 2011 6:43 am

      Grazie Max. È proprio quello su cui sto cercando di concentrarmi, ovvero dare una visione il più soggettiva possibile :-).

      Riguardo al copiare sono d’accordissimo con te. Certe volte non è nemmeno veramente una copia ma semplicemente ci sono delle idee che sono in giro un po’ ovunque e che alla fine qualcuno implementa un po’ prima e qualcuno un po’ dopo. Esempio: la tastiera che si spezza presentata qualche giorno fa in Windows 8 che è apparsa para para in iOS 5. Difficile pensare che Apple abbiamo copiato una cosa del genere in meno di una settimana e quindi è evidente che indipendentemente siano arrivati alla stessa idea.

      In totale comunque Apple è avanti almeno 2 anni rispetto a tutti. Nessuno dei competitor ha la pulizia e la cura dei dettagli che iOS ha avuto sin dall’inizio e purtroppo non mi sembra che nessuno sia ancora sulla strada giusta nel proporre un’alternativa. Dico purtroppo perché secondo me la concorrenza è sempre una buona cosa e spinge a raggiungere migliori risultati e crea vantaggi per noi utilizzatori finali.

  4. fiorenzo / Giu 13 2011 3:16 pm

    Ma poi, in cambio dei dollaroni del biglietto, hanno distribuito hardware ai partecipanti oppure i soldi sono andati tutti nella cascina di Cupertino?

    Sul fatto delle soluzioni “copiate” sono d’accordo. Mi ha subito colpito la pagina delle notifiche che scrolla dall’alto (come in android, ma qui sembra più carina). Anche il cloud automatico su contatti e calendario mi sembra che in android funzioni già da tempo (ma qui sembra più efficace la condivisione dei caledari).

    Ora aspetterò il jailbreak del 5 e procederò all’aggiornamento.

    • Michele Aiello / Giu 13 2011 6:45 pm

      Niente regali, giusto una felpa abbastanza brutta.

Trackbacks

  1. Steve Jobs « Michele Aiello – Personal Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: