Skip to content
28/03/2012 / Michele Aiello

Religion

Argomento pericoloso!!! Molto pericoloso!!!

So già che mi farò un po’ di nemici con questo post, ma devo farlo :-). Qui in UK la religione è un affare molto più serio che in Italia. Non sto’ dicendo che sia un paese di estermisti ma l’argomento è preso molto più sul serio anche per via del fatto che ci sono molte etnie rappresentate con percentuali molto più alte che in Italia. Inoltre qui è OK essere ateo! In Italia se non credi a nulla o se non ti frega niente di religione in linea di massima si barra la casella “Religione: Cattolica”. Qui se barri la casella di una religione significa che vai in chiesa (o sinagoga o whatever) tutte le volte in cui la tua religione lo richiede e magari anche di più. Inoltre non dimentichiamoci dell’Irlanda del Nord… argomento che terrò fuori dal post per motivi di ignoranza e per evitare di sollevare un polverone!

L’Inghilterra è di fatto uno dei pochi stati al mondo che ha ancora una religione di stato (http://it.wikipedia.org/wiki/Religione_di_Stato – http://en.wikipedia.org/wiki/State_religion), cosa per esempio “VIETATA” dalla costituzione americana; un altro dei tanti anacronismi di questo paese che lo rendono in qualche modo speciale.  Inoltre la regina è anche il capo della Chiesa Anglicana (che è la religione di stato) (http://en.wikipedia.org/wiki/Monarchy_of_the_United_Kingdom#Religious_role) il che rende il tutto decisamente difficile da separare. Piccola parentesi: è buffo constatare che i due paesi che stavo considerando quando avevo deciso di lasciare l’Italia siano entrambi affetti da questa piaga della religione di stato: UK e Malaysia :-). Naturalmente il livello è differente: in Malaysia la religione è riportata sulla carta d’identità! Un nativo (malay) deve per forza (aspetta lo riscrivo… PER FORZA) essere mussulmano e la conversioni ad altre religioni è punita dallo stato! (http://en.wikipedia.org/wiki/Religion_in_Malaysia).

Nazioni con una religione di stato.

Personalmente sono molto contrario alla religione di stato ma per fortuna qui il “common sense” (ovvero il senso comune) la fa da padrone e quindi l’impatto sulla vita quotidiana non si sente; mentre per esempio in Malaysia l’impatto è evidente e (talvolta) disastroso. Evito di infilarmi in un vespaio e sgattaiolo tirando fuori qualche statistica: dai dati del censimento del 2001 viene fuori che in UK il 76.8% della popolazione si professa credente e che di questi la maggioranza è cristiano (71.6%), seguito da non credenti (15.5%), mussulmani (2.7%), e così via (http://en.wikipedia.org/wiki/Religion_in_the_United_Kingdom). In Italia invece i dati (http://it.wikipedia.org/wiki/Religioni_in_Italia) riportano un 91.6% di Cristiani, 5.8% di non credenti e 1.9% di mussulmani. A vista d’occhio si capisce già quello che dicevo all’inizio. Qui è ammesso essere atei, in Italia molto meno. Non sto dicendo che sia un bene o un male; semplicemente una differenza di cultura. Altra differenza importante è la divisione dei “Cristiani” riportati nei dati: qui in UK si dividono pressappoco in: 62% anglicani, 13.5% cattolici, 6% presbiteriani, 3.4% metodisti, etc. In Italia invece la divisione è 87.9% cattolici, 4.5% ortodossi e poi tutti gli altri. Questa differenza è importante soprattutto per noi visto che qui passiamo ad essere una minoranza religiosa (ergo la mia avversione verso la religione di stato soprattutto se non è la mia! :P).

E già qui mi sono fatto dei nemici: si lo ammetto sono cattolico! Non un buon cattolico… per carita… forse il peggior cattolico di tutta Londra, ma sono non di meno cattolico. Il che però ha anche dei vantaggi! Per esempio visto che i miei figli devono/possono ricevere un educazione cattolica questo gli apre le porte delle (tante e molto buone) scuole cattoliche a Londra. Sono scuole come tutte le altre ma in parte sovvenzionate dal Vaticano e che quindi hanno la possibilità di scegliersi parte dei pupilli (mi sembra l’80% ma mi posso sbagliare) in base a criteri decisi da loro. Inoltre ci sono anche tante scuole cattoliche private che, essendo private, possono andare anche fuori da queste regole. Questa cosa personalmente ci ha aiutati moltissimo. L’anno scorso Raffaele ha studiato in una scuola cattolica privata (Donhead) in cui senza la lettera di presentazione del nostro prete di Roma no ci saremmo mai potuti sognare di entrare, e quest’anno sia Raffaele che Anna stanno studiando alla Our Lady Queen of Heaven che è di sicuro una delle migliori alternative nella nostra zona. Per entrare in questa scuola abbiamo dovuto frequentare la messa TUTTE le domeniche e firmare un foglio all’uscita! Inoltre durante la messa passano a contare i bambini! Perché naturalmente non basta che i genitori vadano alla messa, è necessario che anche i bambini siano presenti :-).

Anna con la divisa della scuola

Può suonare strano, ma alla fine… non so se è un male. Personalmente credo che molte persone si allontanino dalla religione semplicemente perché ci sono altri impegni che spingono/attraggono maggiormente. “Invogliare” la gente ad andare a messa può in qualche modo aiutare a ritrovare la fede in chi per qualche motivo l’aveva “dimenticata” :-). Invogliare è tra virgolette perché in qualche modo ti forzano ma comunque sei libero di non andarci. Diciamo che ti viene dato qualche incentivo in più. Inoltre qui la messa cattolica è ancora celebrata come si faceva da noi (e forse in alcuni posti ancora si fa) quando ero bambini. Coi chierichetti (tanti), i canti, i bambini liberi di stare nella sala principale anche se naturalmente essendo bambini fanno un po’ di confusione e cose del genere. A Roma magari siamo finiti in un quartiere particolare, ma abbiamo cambiato 2/3 chiese e alla fine mi sembravano tutte molto impersonali. Qui alla fine della messa il prete si ferma fuori dalla porta e saluta tutti dandogli la mano. Ci si ferma a chiacchierare e in qualche modo si fa molta più comunità. Questo magari è anche dovuto al fatto che come dicevo in precedenza qui siamo una minoranza ma da dei dati che ho letto la frequentazione della chiesa cattolica sembra superiore a quella anglicana. Probabilmente quindi qui quando ad uno non frega niente di religione si barra “Chiesa Anglicana” come casella e quindi quella maggioranza di anglicani non è poi così superiore come i dati descrivono. Naturalmente anche la Church Of England (Chiesa Anglicana) offre molti degli stessi vantaggi in termini di scuole ma tendenzialmente quelle cattoliche sembrano essere migliori.

Concludo con un po’ di cronaca: in questi giorni si discute in UK del matrimonio tra persone dello stesso sesso. La chiesa è naturalmente molto contraria e addirittura nel foglietto della messa si può trovare l’indirizzo di email del nostro MP (Member of Parliament) per potergli scrivere chiedendo di non far passare questa legge :-). È una questione troppo delicata per poterla trattare qui e quindi mi astengo e mi riservo il diritto di trattarlo magari in un altro post :-).

Long Live The Queen! (specialmente visto che a giugno festeggia i 60 anni del suo regno [http://www.thediamondjubilee.org/] e i festeggiamenti sono stati strategicamente accostati alla festa del compleanno della regina per fare un mega ponte dal 2 al 5 giugno! Naturalmente qui c’è già chi si lamenta degli impatti sull’economia per il fatto che non si lavora un lunedì e un martedì :-D).

Advertisements

4 commenti

Lascia un commento
  1. parapigliati / Mar 28 2012 9:41 pm

    Dalle premesse mi aspettavo un post più provocatorio ma comunque è molto interessante…
    Ciao!

    • Michele Aiello / Mar 28 2012 9:55 pm

      Si devo dire che ho tolto le parti più provocatorie 🙂

  2. Daniele / Mar 28 2012 10:17 pm

    Michele… un post veramente interessante il tuo. Grazie per la condivisione

    • Michele Aiello / Mar 28 2012 10:18 pm

      Grazie 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: